Archive | June 2009

A Luminato la bellezza secondo Mazzucco

Due opere battute all’asta per l’iniziativa di L’Oréal “Hairdressers against Aids”

Di Elena Serra

TORONTO – Un’intensa esperienza che conduce nel mondo anarchico dell’arte, sorprende e ridefinisce il concetto di esaltazione e valorizzazione della bellezza. È The art of visionary beauty, il mondo di Raphael Mazzucco in mostra al Burroughes Building di Toronto – 639 Queen Street West – fino a domani, e parte del Luminato festival per il quale Mazzucco ha realizzato due opere che presenta in anteprima canadese.
Nativo di Vancouver, in British Columbia, Mazzucco è uno dei più famosi fotografi nel campo della moda e delle celebrità. La sua carriera, iniziata lavorando per Calvin Klein, lo ha portato tra le pagine dei più prestigiosi magazine del mondo, compresi Elle, Vogue, GQ e Marie Claire. Ma questa sua partecipazione a Luminato, lo porta alla riscoperta dei suoi istinti, composti non solo da fotografie, ma da colori, vernici, schizzi ed appunti che prendono vita sulla tela, creando un ricco mosaico che diventa improvvisamente un’inaspettato pezzo d’arte.
L’etichetta di fotografo non rende certamente giustizia a quest’artista a 360 gradi che non ha paura di sperimentare, di sporcarsi le dita di vernice come un bambino, e giocare con una bellissima foto – il più delle volte dedicata alla bellezza femminile – che, chiunque altro maneggerebbe cautamente con i guanti, prima di incorniciare e porre sulla mensola più alta, là dove nessuno possa arrivare.
Mazzucco invece la incornicia con vecchie assi di legno ruvide e sporche, ci versa su un po’ di vernice dai colori accesi, scrive qualcosa, graffia la vernice ancora fresca ed aggiunge ritagli di altre fotografie.
I suoi pensieri diventano chiari come semplici frasi da leggere: Where would you be if you close your eyes? Dream (Dove potresti essere se chiudi gli occhi? Sogna). E l’ispirazione che lo ha guidato sfida l’interpretazione: If I’m really part of your dream, you’ll come back (Se sono davvero parte del tuo sogno, ritornerai).
Vi sono grandi fiocchi di stoffa che emergono dalle sue opere, sabbie marine che incorniciano visi e mani, pietre grezze ed insetti posati ad arte. Colori accesi illuminano scatti in bianco e nero, fili creano figure geometriche, piume rendono l’opera piena e ricca mentre disegni di profili femminili si confondono ed integrano fotografie.
Sono dodici le opere raccolte per questa sorprendente mostra, due delle quali particolarmente speciali in quanto realizzate proprio per Luminato, in collaborazione con L’Oréal Professionnel e Lancôme. Questa collaborazione nasce dall’idea che, così come pittori o scultori, hairstylist e make-up artist sono creatori di bellezza.

Nell’anniversario dei suoi cento anni, la L’Oréal ha ispirato Raphael Mazzucco attraverso le celebrazioni di Century of Colour, che ha dato vita all’opera Rain, uno dei due pezzi più pregiati della mostra.
Il secondo è Beauty Trois, commissionato dalla Lancôme per Luminato, e dedicato alla New Era of Feminility, la nuova era della femminilità voluta dall’etichetta francese conosciuta, sin dal 1935, come la più lussuosa nel mondo dei cosmetici, al punto tale da rendere la donna francese simbolo collettivo del fascino e delle bellezza femminile.
Le due opere saranno battute all’asta e i ricavati verranno devoluti al Hairdressers Against Aids per L’Oréal, e all’Ontario College of Art & Design per la Lancôme.
Ad accompagnare questi due lavori, in una sala separata, vi è la proiezione del breve documentario intitolato The Art of Raphael Mazzucco prodotto dai due marchi cosmetici francesi. In pochi minuti la pellicola esplora il mondo dell’artista canadese e la creazione delle sue opere.
«Se in qualche modo l’arte ti interessa ed affascina – dice Mazzucco del documentario – dovresti davvero entrarne a far parte e lasciarti coinvolgere».
La magia che Mazzucco è capace di creare va molto oltre il suo grande talento come fotografo.
L’artista non è solo capace di catturare l’essenza della bellezza femminile in una fotografia, ma riesce ad esaltarla e darle vita, renderla vera, tridimensionale nello spirito, vissuta e sporca, e di sicuro, per tutte queste ragioni, unica.


Indirizzo pagina originale: http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=88259

A world of talent on stage in Toronto

Luminato Festival’s artistic director talks about third installment

By Elena Serra

Luminato, Toronto’s art and creativity festival, is back for a third year to celebrate the artistic spirit in all its forms starting on June 5. For 10 days, the city will be transformed into a single stage that will bring together – both indoors and out – dance, theatre, literature, classic and contemporary music, design, visual arts, and film.
With an event-filled calendar, Luminato fulfills all the expectations and hopes of its creators – who are motivated by the will and need to share art and beauty, spreading optimism, illuminating the mind, and inspiring the world.
This is the fascinating story as told by Chris Lorway, Luminato’s artistic director, who has worked in the international arts field for over 12 years, carrying out projects like The Lincoln Centre Festival and The New Yorker Festival.
He talked to Corriere Canadese/Tandem about Luminato’s past and present.

How did the idea for a festival like Luminato come about?

“There were two important events that profoundly damaged tourism in the City of Toronto. The first was Sept.11, which had repercussions on tourism all over the world, and the second was the inclusion of Toronto on the list of high-risk cities for SARS in 2003. The result was a city that was looked upon in a negative light. Two gentlemen, Tony Gagliano and David Pecaut, then asked themselves what could be done to demonstrate to the world how exciting Toronto was – a city that is recognized, among others, by UNESCO as the most multicultural city in the world. They wanted to reinstate it to its high level by using all its potential and highlighting its characteristics. And to best celebrate Toronto’s rich diversity, they turned to organizations such as ROM, L’Opera, the Ballet, and many others, promoting their idea and asking what contribution they were willing to offer.”

Turning to these organizations represented, then, a first step in the long journey that allowed for the development of Luminato?
“Yes, on that point we count on public infrastructures such as, for example, the Royal Conservatory of Music, which will open for a short while. I started working with Luminato three years ago when plans for the first edition were almost complete. What I tried to do at the subsequent edition was to research the connection between the various performances and artistic languages to create a sort of continuity, and I think that with this year’s edition, we’ve been able to give the festival a complete identity.”

What is the most difficult part of organizing a festival with these characteristics?

“You need to have a macro-vision of the situation. I spend a lot of my time traveling the world speaking with artists and trying to understand what appeals to the public and in what direction art is going. But the most important thing is to unify it all and create a story that will then be developed in the creation of the festival.”


What is the primary objective of the Festival?

“I think it’s based on the building of trust in Toronto and for Toronto. Public interest is very important as well – we need to answer public expectations, but at times trying to please everyone doesn’t achieve a satisfactory result. One can’t focus on too many things in this 10-day festival. That’s why we always set clear objectives and explore new areas each year. That way, in 10 years we can look back and be glad that we pleased the various tastes and communities of Toronto, and that we did it well.”

What makes Toronto the perfect city for this event?

“I lived in New York for a long time and came to understand that if, for example, there’s a concert by a foreign band, the public goes to see it out of curiosity because it’s something different. But what makes Toronto so special is the fact that there are so many different communities that – wherever the band comes from – 50% of concert goers will always be made up of those coming out for the sake of curiosity and 50% are actual fans. This way there’s always a subtle limit, and at times a real fusion of what is local and what is tourist-related, and from this comes a very interesting mix.”

Does this mean Luminato will remain in Toronto or is there a move or extension to the festival being planned?
“We’re not going anywhere. This is Toronto’s festival.”

What’s the biggest news at the Festival this year?

“The idea always stays the same, but the model can transform into various forms. It all depends on the budget available and the places where the exhibits will take place. There are events that always stay the same, such as at Dundas Square, which is perfect for attracting many visitors because of its characteristics – but each year we try to introduce new areas of the city, both outdoors and indoors.New areas of exploration this year are the celebration of the guitar – an eclectic instrument and promoter of culture – and contemporary communication and its effects on human relationships.”


Artists, the public, the city, organization, volunteers – what element makes the biggest difference to the Luminato Festival?
“They’re all gears in the same machine, and they all have to support each other and function together. What we do this year is attempt to unify all these elements, and that will take place daily during the festival, at 10 p.m., above Hard Rock Café, with events that will favour encounters between artists, volunteers, the public, and the Luminato staff itself. As well, artists participating at Luminato are always encouraged to participate at events of other artists to learn about and share various artistic visions. Artists inspire each other, and from these encounters, teamwork is often created.”

What has to occur so that the festival can be considered a success once it is over?

“There are several criteria. First of all, obviously, is the number of tickets sold, and the number of free attendance at the events. Also, this year it will be possible for the public to submit online comments regarding shows, which will allow us to see and monitor their reaction. All this because – beyond everything else – in other words what I take to heart is the quality of the performances, the public’s happiness, and that everything takes place without a misstep.”Which performances are not to be missed this year?
“There are many. For example, there’s a film called Tales of the Uncanny by Richard Oswald – a silent 1919 film – that will be screened at Dundas Square with a live soundtrack by Berlin artist Robert Lippok and two independent Canadian bands.And not to be overlooked is the presence of Cirque du Soleil during the festival’s closing weekend, between Harbourfront Centre and the Toronto Music Garden.”

http://www.corrieretandem.com/viewstory.php?storyid=9190


A Toronto il palcoscenico di Luminato «Il festival degli artisti e del pubblico»

Il direttore artistico Lorway spiega il cartellone fitto di appuntamenti della manifestazione che inizierà il 5 giugno

Elena Serra

TORONTO – Sta per compiere tre anni, ma appare già un veterano.
È Luminato, il festival dell’arte e creatività di Toronto che a partire dal 5 giugno celebrerà per 10 giorni lo spirito artistico in ogni sua forma. La città si trasformerà in un unico palcoscenico che unirà – sia all’aperto che al chiuso – danza, teatro, letteratura, musica classica e contemporanea, design, arti visive e film. Ma oltre al fitto calendario di eventi, Luminato offre un legame con la città che lo rende speciale e completamente intrinseco al territorio.  Questo fa si che, con solo due edizioni alle spalle, e la terza al via in pochi giorni, l’evento risponda già a pieno alle aspettative e speranze dei suoi creatori, spinti dalla voglia e necessità di condividere arte e bellezza, riportare ottimismo, illuminare le menti ed ispirare il mondo.
Questa è l’affascinante storia che ci ha raccontato Chris Lorway, direttore artistico di Luminato sin dalla prima edizione, il quale ha lavorato nell’ambiente artistico internazionale per ben 12 anni, realizzando progetti come il Lincoln Centre Festival e il New Yorker Festival. Il suo racconto ci guida alla scoperta dello sviluppo del festival, e fornisce interessanti riflessioni su Toronto, le sue comunità e su quanto e perché questa sia la città perfetta per ospitare l’evento.

Luminato comprende diversi linguaggi artistici ed unisce artisti molto diversi tra loro. Com’è nata questa idea?
«Ci sono stati due eventi importanti che hanno profondamente danneggiato il turismo nella città di Toronto. Il primo è stato l’11 settembre, che ha avuto effetti sul turismo in tutto il mondo, e il secondo è stato l’inserimento di Toronto nella lista delle città fortemente a rischio SARS nel 2003. Tutto ciò ha fatto si che la città fosse vista sotto una cattiva luce. Due signori, Tony Gagliano e David Pecaut, si sono allora domandati cosa poteva essere fatto per mostrare al mondo quanto entusiasmante sia Toronto, riconosciuta tra l’altro dall’Unesco come la città più multiculturale del mondo. La si voleva far tornare ad alti livelli utilizzando tutte le sue potenzialità ed esaltandone le caratteristiche. E proprio per celebrare al meglio la ricchezza di diversità presente a Toronto, si sono rivolti ad organizzazioni come il Rom, l’Opera, il Ballet, e tante altre, presentando l’idea che avevano creato e chiedendo loro quale contributo erano disposti ad offrire».

Rivolgersi a queste organizzazioni rappresenta quindi il primo passo del lungo percorso che permette lo sviluppo del Luminato Festival?
«Sì, a quel punto si contattano le infrastrutture cittadine, si cerca di mettere in risalto la città e le sue strutture, come ad esempio il Royal Conservatory of Music che aprirà a breve. Io ho iniziato a lavorare a Luminato 3 anni fa, quando la prima edizione era già quasi completamete organizzata. Quello che ho cercato di fare dall’edizione successiva è stata la ricerca di una connessione tra le varie performance e linguaggi artistici per creare una sorta di continuità, e penso che con l’edizione di quest’anno siamo riusciti a dare un’identità completa al festival».
Qual è la cosa più difficile nell’organizzazione di un festival con queste caratteristiche? «Bisogna avere una macro-visione della situazione. Io trascorro gran parte del mio tempo in giro per il mondo a parlare con artisti ed a capire cosa può interessare il pubblico ed in che direzione si dirige l’arte. Ma la cosa più importante è riuscire ad unire il tutto costruendo una storia che verrà poi sviluppata nella creazione del festival».

Qual è l’obiettivo principale del Luminato Festival?

«Penso che si basi tutto sulla costruzione della fiducia di Toronto e per Toronto. Inoltre l’interesse del pubblico è molto importante, bisogna rispondere alle loro aspettative, ma a volte per cercare di accontentare tutti non si raggiunge un risultato soddisfacente. Non si possono concentrare troppe cose nei 10 giorni del festival. Per questo motivo noi ci poniamo sempre dei chiari obiettivi ed esploriamo ogni anno nuove aree. Il questo modo da qui a 10 anni potremo guardarci indietro e gioire per aver accontentato le diverse preferenze e comunità di Toronto, e di averlo fatto nel modo giusto».

Cosa fa si che Toronto sia la città perfetta per questo evento?
«Ho vissuto a New York per molto tempo e ho capito che, se ad esempio c’è un concerto di una band straniera, la gente va a vederla perché è un qualcosa di diverso e suscita curiosità. Ma ciò che rende Toronto così speciale è il fatto che vi sono presenti così tante diverse comunità che, non importa da quale Paese questa band provenga, al concerto ci sarà sempre un 50% del publico che vi assiste per curiosità e l’altro 50% che è costituito da fan, da gente che conosce quella band e che si sente come a casa. In questo modo si ha sempre un sottilissimo limite, e talvolta una vera e propria fusione di ciò che è locale e ciò che è turistico, e da questi nasce un mix molto interessante».

Significa che Luminato starà a Toronto, o c’è in programma uno spostamento o un’estensione del festival?
«Noi non andiamo da nessuna parte. Questo è il festival della città di Toronto».

Qual è la principale novità del festival di quest’anno?
«L’idea resta sempre la stessa, ma il modello si può plasmare con forme diverse. Il tutto dipende dal budget che si ha a disposizione e dai luoghi nei quali le esibizioni si svolgeranno. Ci sono appuntamenti che restano sempre gli stessi, come quello a Dundas Square che per le sue caratteristiche è perfetto per accogliere tanti visitatori, ma ogni anno cerchiamo di introdurre nuove aree della città, sia all’aperto che al chiuso. Nuovi terreni d’esplorazione di quest’anno sono la celebrazione della chitarra, strumento eclettico e diffusore di cultura, e la comunicazione contemporanea e i suoi effetti sulle relazioni umane».


Artisti, pubblico, città, organizzazione, volontari: quale elemento fa la differenza nel Luminato Festival?

«Sono tutti ingranaggi della stessa macchina, e tutti devono sostenersi e funzionare insieme. Quello che abbiamo fatto quest’anno è cercare di riunire tutti questi elementi, e questo avverrà tutti i giorni durante il festival, alle 10 di sera, sopra l’Hard Rock Cafe, con eventi che favoriranno l’incontro tra artisti, volontari, pubblico e lo stesso staff di Luminato. Inoltre gli artisti che partecipano a Luminato sono sempre incoraggiati alla partecipazione di eventi di altri artisti, per conoscere e condividere diverse visioni artistiche. Gli artisti si ispirano a vicenda, e da questi incontri nascono spesso collaborazioni».

Quale condizione deve realizzarsi per poterle far dire, a festival concluso, che è stato un successo?
«Ci sono molti metri di giudizio, primo fra tutti, ovviamente, il numero di biglietti venduti, ed il numero di presenze agli eventi gratuiti. Inoltre quest’anno sarà possibile per il pubblico inserire on line commenti sugli spettacoli, il che ci permetterà di vedere e monitorare le loro reazioni. Tutto questo perché, al di là di tutto, ciò che mi sta a cuore è la qualità delle performances, la felicità del pubblico, e che il tutto avvenga in modo sereno».

Quali sono le performance che non dobbiamo farci sfuggire quest’anno?
«Sono tante. Ad esempio c’è un film che si chiama Tales of the Uncanny di Richard Oswald, pellicola muta del 1919, che verrà proiettato a Dundas Square con la colonna sonora live di Robert Lippok, artista di Berlino, e due bands indipendenti canadesi. E da non dimenticare la presenza del Cirque du Soleil durante il fine settimana di chiusura del festival, tra Harbourfront Centre e il Toronto’s Music Garden».


Indirizzo pagina originale: http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=87815