Archive | August 2009

An Italian shines bright on the tennis courts

Francesca Schiavone, one of the top 30 players in the world, takes on the Rogers Cup

By Elena Serra

In Italy, women who decide to take up a sports career frequently distinguish themselves on the international scene only after years of anonymity and toil, jostling between federations and inadequate training facilities that often force them to leave the country.
Among them is Francesca Schiavone, the only Italian tennis player to make three quarterfinal appearances in Grand Slam tournaments, and who, at 29, can boast ranking as one of the top 30 players in the world.
Born in Milan and currently residing in London, Schiavone first handled a tennis racquet when she was 10 and has never looked back.
The athletic skills, the notable tactical improvements, and the decidedly above-average open-court play – compared to others currently on the circuit – have bestowed Schiavone with a pleasant surprise – a second youth – considering that players usually enter the professional circuit before turning 18.
She is having an excellent year, with superb performances at Wimbledon and at the Prague finals.
Ranked 26th, Schiavone is outranked by Flavia Pennetta, the player from Brindisi who is 14 spots higher on the WTA standings and who recently won the Los Angeles tournament.
The two Italians, along with Mara Santangelo and Roberta Vinci, won the Fed Cup in 2006 – the most important women’s national team tournament, equivalent to the men’s Davis Cup. It was the first win ever for an Italian national tennis team.
Schiavone is currently in town for the Rogers Cup, the premiere Canadian tennis tournament, which this year boasts a record 35 top world-class players. The Rogers Cup began on Aug. 15 and runs until Aug. 23.
Schiavone spoke to Corriere Canadese/Tandem about her career, her training routine, and other more personal notes.
Also representing the Azzurri at the Toronto tournament at York University’s Rexall Centre are Pennetta and Karin Knapp, the young promising Italian who is currently ranked 159th in the world.

You have a long satisfying career and an Italian record with three quarterfinal appearances in Grand Slam tournaments. After six years of being ranked as one of the top 30 players in the world, what are your thoughts about your career so far?
“During the past six years, I’ve had good, positive experiences. This allows me to maintain my high ranking and continue to work hard to achieve even more.”

What was lacking in 2005 when you just missed getting to the top 10?
“I think that, for a number of reasons, the timing wasn’t right in 2005 to make the top 10, but the positive thing is that today I still have the chance to get there. What more can I want?”
At age 29, what are your future goals?
“My objective is to return to playing at the highest levels and to achieve new personal highs.”
We know that Italy doesn’t give tennis its due attention, and that tennis players are often forced to leave the country. What was your reason for leaving?
“I want to keep improving and evolve, and to do so I can’t stay in Italy but have to seek out new incentives and new training methods. It’s not only useful but it also provides a strong stimulus.”

What would it take, if anything, for you to return to Italy?
“Better facilities and a team that provides calmness and professionalism.”

In this scenario, what does it mean for you to play in the Fed Cup – the most important women’s national team competition – which you won in 2006?
“The Fed Cup is a very special competition for me, and I’m honoured that Italy provides me the chance to compete in it each year. We have an optimal team and expect to get to the final in November. Together, we will work very hard to try to regain the title.”

What do you consider your best moment in your tennis career?
“The one I’m currently living. I love facing new challenges daily.”

What is your relationship like with the other Italian players? Competitiveness, cooperation, or friendship?
“Competitiveness, cooperation, and friendship. A perfect mix to experience on the professional circuit. I have no preferences.”

What are the factors that allow you to have your best game? How important is mental preparation for you? What other factors to you tend to before a tournament?
“The most important factors are technical ones: acceleration; control your shots; physical reflexes and strength; tactical – as far as studying opponents and their style of play; and finally the mental part, working on the calmness and lucidity that an athlete must possess to be ready for anything!”

Regarding athletic preparedness, do you have a new coach?
“For now I’m counting on Luis Delgado and Giovanni Galeazzi with whom I am very comfortable. At the end of November I’ll decide on my new team.”

How do you feel being a role model for many young Italian girls interested in the world of tennis, and what would be your advice to them?
“I want to send them positive, convincing, and even entertaining messages – ultimately, tennis is a game. It’s important that over time you not only attend to the technical side and to winning, but also to good behaviour on and off the courts, so that you can be respected and be a good example.”

You’ll be participating in Toronto’s Rogers Cup until Aug. 23. What are you expecting from this tournament?
“I like the Toronto tournament very much. Canada is a great country, and Canadians love their tennis. What better opportunity to give it my all to display my skills, and enjoy the fan appreciation? I will go all out to win.”

There is a sizeable Italian-Canadian community in Toronto that often manifests its strong connection to its roots. Leaving aside for a moment the lack of acknowledgement and attention of Italians to tennis, how important is the support of Italian fans to you? “I think that Italians on their own love tennis, and watch it on TV or follow it in the papers whenever they get the chance. I know that there will be many Italian fans at Toronto’s tournament, and I’ll have the opportunity to thank them for coming out to see me. For me, it’s wonderful to be acknowledged as a good athlete even by fans outside the national territory.”


Story Location: http://www.tandemnews.com/viewstory.php?storyid=9364

Francesca Schiavone al Corriere: «Arrivo a Toronto per vincere»

La tennista milanese promette battaglia al torneo che si svolgerà tra il 15 e il 23 agosto al Rexall Centre

Di Elena Serra
TORONTO – Non solo rossetti, caramelle senza zucchero e orecchini. Nelle borsette delle italiane ci sono sempre più spesso equipaggiamenti sportivi, ore di duro allenamento, e tanti, tanti record. E le atlete azzurre finalmente iniziano ad emergere.
In questo Paese che sta finalmente imparando che lo sport è molto più di un pallone che rotola tra due pali, donne che decidono di intraprendere una carriera sportiva emergono sempre più frequentemente e con forza a livello internazionale, dopo anni d’anonimato e fatiche, sgomitando tra federazioni e strutture inadeguate che spesso le costringono a lasciare il Paese.
Tra queste Francesca Schiavone – unica tennista italiana capace di ottenere tre quarti di finale in un torneo del Grande Slam – che a 29 anni può vantarne ben 6 consecutivi nella top 30 mondiale.
Nata a Milano ed attualmente residente a Londra, la Schiavone ha impugnato la racchetta per la prima volta quando aveva 10 anni, e da allora non ha più abbandonato il campo da tennis, catturata dalla magia della competizione, dal fascino della polvere della terra battuta e la velocità dell’erba, dal sottile equilibrio tra forza e gioco psicologico che costutuisce l’essenza di questo sport. La racchetta come matita per disegnare la traiettoria, i muscoli che si flettono in un urlo di potenza, la pallina che fluttua atterrando con grazia e prepotenza, ed un pugno che si alza al cielo con grinta.
Le solide qualità atletiche, i notevoli miglioramenti tattici e il gioco al volo decisamente migliore della media delle giocatrici presenti attualmente nel circuito, hanno regalato a Francesca Schiavone la gradita sorpresa di una seconda giovinezza – considerando che le giocatrici entrano nel circuito professionistico sotto i 18 anni d’età – che le ha regalato un ottimo 2009 con una superba prestazione a Wimbledon e la finale di Praga.
Attualmente numero 26, è preceduta nella classifica WTA soltanto da Flavia Pennetta, giocatrice di Brindisi vincitrice domenica scorsa del torneo di Los Angeles, quattordici posizioni più in alto.
Le due italiane, insieme a Mara Santangelo e Roberta Vinci, hanno conquistato nel 2006 la Fed Cup – il più importante torneo a squadre per nazionali femminili, equivalente alla Coppa Davis maschile – consegnando per la prima volta nella storia il titolo alla squadra italiana.
A poche ore dall’inizio della Rogers Cup, il principale appuntamento tennistico canadese che quest’anno proporrà una presenza da record, con ben 35 tra le top 30 mondiali presenti al torneo, Francesca Schiavone ha fatto per il Corriere un bilancio della sua carriera, raccontando i punti focali della sua preparazione e gli elementi che le stanno più a cuore. A difendere i colori azzurri al torneo di Toronto, che avrà luogo tra il 15 ed il 23 agosto sui campi del Rexall Centre della York University, ci saranno anche Flavia Pennetta e Karin Knapp, giovane promessa italiana attualmente numero 159 della classifica mondiale.
Francesca Schiavone, una lunga carriera piena di soddisfazioni, con il record italiano di tre quarti di finale in un torneo del Grande Slam. Ora, dopo 6 anni nelle prime 30 della classifica mondiale, qual è il suo personale bilancio?
«Il mio bilancio è positivo. In questi 6 anni ho potuto vivere bellissime e produttive esperienze. Questi risultati mi permettono di mantenere una classifica alta e continuare a lavorare duro per ottenere sempre un qualcosa in più».
Cosa pensa le sia mancato per raggiungere la top 10, sfiorata nel 2005?
«Penso che, per un insieme di motivi, il 2005 non era il momento giusto per entrare nelle top 10, ma la cosa positiva è che oggi ho ancora la possibilità di raggiungerla. Cosa voglio di più?!».
A 29 anni, quali sono i suoi traguardi futuri?
«Il mio obiettivo è quello di tornare a giocare ad altissimo livello e raggiungere nuove soddisfazioni personali».
Sappiamo che l’Italia non concede al tennis la dovuta attenzione, e che spesso i tennisti si vedono costretti a lasciare il Paese. Qual è stato il motivo del suo trasferimento?
«Desidero sempre migliorare ed evolvermi, e per farlo non posso stare in Italia, ma devo andare a cercare nuovi incentivi e nuovi metodi di allenamento. Questo non solo è utile ma rappresenta anche un forte stimolo».
Quale condizione sarebbe necessaria, se ne esiste una, per farla tornare in Italia?
«Una buona struttura e un team che mi offra serenità e professionalità».
In questo scenario, che significato ha per lei giocare per la Fed Cup – il più importante torneo per squadre nazionali femminili – che ha vinto con l’Italia nel 2006?
«La Fed Cup è una competizione molto speciale per me, e sono onorata che ogni anno l’Italia mi dia modo di giocarla. Abbiamo un ottimo team, e a novembre ci aspetta la finale. Lavoreremo sodo tutte insieme per provare riottenere il titolo».
Quale considera il miglior momento nella sua carriera tennistica?
«Quello che sto vivendo. Amo affrontare ogni giorno nuove difficoltà e sfide».
Come sono i rapporti con le altre giocatrici italiane? Competizione, collaborazione o amicizia?
«Competizione, collaborazione ed amicizia. Un misto perfetto per vivere in un circuito professionistico! Non faccio preferenze».
Quali sono le condizioni indispensabili per poter affrontare al meglio un incontro? Quanto conta per lei la preparazione mentale? Quali altri aspetti cura in previsione di un torneo?
«Le condizioni indispensabili per affrontare un torneo sono quelle tecniche, curando l’accelerazione e il controllo dei colpi, la parte fisica, attraverso la reattività e la potenza, quella tattica, studiando avversarie e metodi di gioco, ed infine la parte mentale, lavorando sulla serenità e la lucidità che un atleta deve possedere per essere pronto a tutto!».
Parlando di preparazione atletica e non, ha un nuovo allenatore?
«Per il momento mi sto appoggiando a Luis Delgado e a Giovanni Galeazzi, con i quali mi trovo molto bene. A fine novembre deciderò il mio eventuale nuovo team».
Come la fa sentire essere un modello per tante ragazze italiane che si avvicinano al mondo tennistico, e quale consiglio darebbe loro?
«Desidero lanciare loro messaggi positivi, determinati e anche divertenti; in fondo il tennis è un gioco. Con il tempo è importante curare, non solo il lato tecnico e le vittorie, ma anche un buon comportamento sul campo da gioco e fuori, per poter essere rispettata e rappresentare un buon esempio».
Sappiamo che parteciperà alla Rogers Cup di Toronto dal 15 al 23 agosto. Cosa si aspetta da questo torneo?
«Il torneo di Toronto mi piace molto. Il Canada è un bellissimo Paese, e la gente ama il gioco del tennis. Quale occasione migliore per esprimermi al massimo e godere di tanto calore. Ce la metterò tutta per ottenere la vittoria».
A Toronto vi è una numerosa comunità italiana che spesso manifesta la forte connessione con le proprie radici. Dimenticando i mancati riconoscimenti e le disattenzioni italiane per il tennis, quanto conta per lei il supporto dei tifosi italiani?
«Io credo che l’italiano in sè ami il tennis, e che appena ne ha le possibilità lo guardi alla televisione o lo segua sui giornali. So che al torneo di Toronto saranno presenti numerosi tifosi italiani, ed avrò modo di ringraziarli per essere venuti a vedermi. Per me è bellissimo essere riconosciuta come una grande atleta anche dai tifosi al di fuori del territorio nazionale».


Indirizzo pagina originale: http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=90406