Archive | Music RSS for this section

What American English sounds like to non-English speakers

For few days my husband (Canadian) told me (Italian) he saw an hiliarious video on Youtube he needed to show me, and finally he did.

It turned out to be a old Italian song of one of the icons of Italian music: Adriano Celentano
Beside the great video, the best part of this song is that the lyric does not make any sense, but it sounds exactly like English.

You don’t believe me? Listen up….

And by the way, yes, this is exactly how  English sounds like to a non-English speaker!!!

Let me know what you think about it!!!!

My running playlist – What’s yours?

I feel good. I have lots of reason to be proud of myself, but I forget it all the time, while I am always ready to be harder with myself.

One of the reasons why I should be proud it’s my running. After writing my first post about it, sharing with you my 2011 goal, I really got lots of energy from all your comments.

I am being consistent with my training, not excusing myself for lack of time or bad mood. Sometimes my very very (very) short experience takes me  in the wrong direction, but I’m working on it.

In two and a half months of training I have already learned a lot, not only about running, but about my body and even more important, my mind.

The fact that I used to see as the most negative (me running on the treadmill) it’s actually becoming my strength. In fact I read somewhere that running in the treadmill allows you to do something you cannot do running outside: training your mind.

I soon realized that my lack of confidence wasn’t only caused by the fact that I have never run before, but most of it was coming simply from my head. Training your mind and show it that you can actually do it it’s becoming my most important drive. Almost as important as my playlist.

I can not run without my music. Of course I have my “running “ playlist, and there are few songs that physically help me to run better, especially when my mind and body start to discuss whether or not they should stop.

Here my top ten playlist:

  1. Waka Waka (Time for Africa) – Shakira
  2. Release me – Agnes Carisson
  3. PYT (Pretty Young Thing) – Michael Jackson
  4. When love takes over – David Guetta feat. Kelly Rowland
  5. Get low – Flo Rida feat. T-Pain
  6. Like a G6 – Far East Movement
  7. One day in your life – Anastacia
  8. L’aiuola – Gianluca Grignani
  9. Raise your glass – Pink
  10. È più forte di me – Ligabue

What’s yours?

Read more posts about running.

Italian songstress in Toronto

Carmen Consoli plays the Small World Music Festival this Sunday

By Elena Serra

The voice is the same distinct one as always – one that some listeners would have wrinkled their noses at, suggesting that she get another job. But Carmen Consoli – who has nine albums under her belt, is the first Italian artist to appear at Rome’s Stadio Olimpico (Olympic stadium), has won numerous awards and toured all over the world – has always gone forward along her own path.
She knew from her very first performance in front of schoolmates that to be successful in life she had to do what she was born to do.
More poet than vocalist, Consoli inherited a love of music from her late father, to whom she dedicates the song “Mandaci una cartolina” – nominated for the Mogol 2010 award – from her latest album Elettra released last October, three years after Eva contro Eva.
Corriere Canadese/Tandem reached the Sicilian singer by phone. She will appear on June 20 at 8 p.m. at Mod Club Theatre as part of the Small World Music Festival.
Consoli answered questions ranging from her “musical retreat” to the Etna mountainside on a “beautiful day,” saying that, even in the mountains, “when we’re hot, we go for a swim, considering that it’s already summer.”
Consoli is a determined Mediterranean woman who writes to tell stories, and a woman who would like to have her own family some day.

You grew up in San Giovanni La Punta, near Catania. How important is your land of origin to you?
“Very much, because it involves education I received both from my parents and from the territory itself. Sicily is bountiful, sunny, the people are very generous, genteel, and creative, so it influenced me a great deal. Like all Sicilians, I’m always thinking about the sun. I’m very tied to traditions. I feel very Mediterranean, and my music reflects that both in the melody and in the manner it is played, with tarantella-like rhythms and triplets typical of the south and of movements that are slowed by the sunlight.”

So you would never leave Italy?
“No. Despite the fact that Italy is becoming a place where you can only live if you have money, I would never leave. Even more so, I would never leave Catania because I have a strong connecton to it.”

Has anyone ever told you that you would never be successful?
“Yes, everyone. When you do something that not everyone understands – they don’t want you to be disillusioned so maybe good-naturedly they try to discourage you, but this isn’t a positive thing and it ensures that you don’t commit to the maximum.”

Your lyrics are always very elaborate and meaningful. Do you like writing?
“I love writing very much. I collect stories, tales, and in fact my songs are almost always stories. I like singing about people.”

What is the process of creating a song: do you start with the lyrics or the music?
“It begins with the lyrics because I have to have something to say, otherwise I’m not motivated to write.”

Since 1996, the year your first album was released, your music has undergone many changes from Confusa e felice and Mediamente isterica up to L’eccezione and your tour L’anello mancante, and now with the new Elettra. What inspired these changes?
“I’m always seeking new forms of expression. I like playing African music, rock, and jazz, but in the end I have to always be myself. A bit like changing clothes or hairstyle, we grow and at times things change in us. But in all my records, there are acoustic ‘moments’ and electric ‘moments’.”

In one of your songs, you say that for each renounciation there is compensation. Do you feel you have had to renounce anything to attain success ?
“I’ve never lived my life as it being a downhill ride towards success – I find that [approach] very distant to my way of living. Certainly, if things go well and people like my music, it also means I’m far from home and from my beloved ones and at times I’d like to dedicate more time to my mother and my home, but everything in time. It would mean that this is the time to hammer the nail, as the expression in our parts goes, then there are moments in which…I could be a mother…in time.”

So would you like to have children?
“Very much. I think anyone would like that.”

How would you describe your new album Elettra?
“Each album is the fruit of my creative urges, and this one was a snapshot of a moment in my life, and represents a description of that moment.”

Your new album Elettra, features the song “Mio zio,” which addresses pedophilia. How important is it for you as an artist to express and act for causes that are important to you?
“If in some way you represent an example for someone, or have a following, it’s right that you declare your stance on certain issues. I wanted to say that children should be protected because it’s very important that these obscenities that occur in the streets, in homes, and in churches don’t remain hidden, but are denounced without fear. One must not be fearful, otherwise the victims will always be the most defenceless.”

What was the best moment of your career?
“Maybe the first time I performed, in my school’s auditorium, in front of 4,000 people. I was 14-years-old and as soon as they saw me with a guitar they began booing. I gave the guitar four whacks and shut them up. Later there was thunderous applause and from that point I knew this could be my future.”

And the best moment of your life?
“The best moment of my life is in the daily routine, because I’m healthy and young. I have my entire life before me, as well as many ideas and much enthusiasm. That’s the most precious thing I have, and that makes me happy.”

Aside from music, do you have other passions? What do you do in your free time?
“I like gardening very much. I like to produce other artists’ records, and I also like sports like tennis.”

You’ll be in Toronto for the second time on June 20. What can we expect from your show?
“I’m coming with my guitar and will peform a varied repertoire. There will also be a lot of improvisation because — since me and my band have been together for 20 years — a glance is enough sometimes and we start playing the odd traditional Sicilian piece.”
Story Location: http://www.tandemnews.com/viewstory.php?storyid=10284

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Carmen, una poetessa a Toronto

La musica, il Sud e l’impegno: Consoli si racconta al Corriere

Di Elena Serra

TORONTO – La voce è quella inconfondibile di sempre, quella che forse aveva fatto storcere il naso a coloro che le avevano detto di lasciar perdere e cambiare mestiere. Ma Carmen Consoli – 9 album, prima artista italiana ad esibirsi allo Stadio Olimpico di Roma, vincitrice di numerosi premi e con tour in tutto il mondo – è sempre andata dritta per la sua strada, e dalla sua prima esibizione davanti alla scuola ha capito che avere successo significava fare quello per cui era nata.
Poetessa più che cantautrice, Carmen ha ereditato l’amore per la musica dal padre, alla cui scomparsa è stato dedicato il brano Mandaci una cartolina – nominato per il Premio Mogol 2010 – contenuto nel suo ultimo album Elettra uscito nell’ottobre scorso, a tre anni di distanza da Eva contro Eva.
Il Corriere Canadese ha raggiunto telefonicamente l’artista siciliana – che si esibirà al Small World Music Festival di Toronto (domenica al Mod Club Theatre, 8 pm) – nel suo “ritiro musicale” alle pendici dell’Etna in una «giornata bellissima, anche se in montagna quando abbiamo molto caldo andiamo a farci il bagno, visto che ormai è piana estate». Il ritratto che ne abbiamo ottenuto è quello di una donna mediterranea determinata, che scrive per raccontare, che ha voglia di famiglia.

Carmen, sei cresciuta a San Giovanni La Punta, vicino a Catania. Quanto è importante per te la tua terra, e quanto ha influito sulla tua formazione?
«Molto, perché si parla dell’educazione che ho ricevuto sia dai miei genitori che dal territorio stesso. La Sicilia è ricca, solare, la gente è molto generosa, signorile e creativa, quindi ha influito tantissimo. Io, come tutti i siciliani, ho sempre il sole in mente. Sono molto legata alle tradizioni, mi sento molto mediterranea, e la mia musica ne risente, sia nelle note che nel modo in cui è suonata, con ritmi tarantellati e terzine larghe tipiche del Sud, e dei movimenti ritardati dalla luce del sole».

Quindi non lasceresti mai l’Italia?

«No. Malgrado l’Italia sia diventato un posto dove puoi stare solo se hai soldi, io non la lascerei mai. Ma ancor di più non lascerei mai Catania, perché la mia città esercita una forte attrazione su di me e, come diceva Verga, “più l’ostrica si stacca dallo scoglio, e più perde le proprie forze” e i siciliani sono come l’ostrica».

C’è mai stato qualcuno che ti ha detto che non ce l’avresti fatta a raggiungere il successo?

«Sì, tutti. Quando fai un qualcosa che non è alla portata di tutti, forse bonariamente per non illuderti cercano di disilluderti, ma questo non è positivo e fa sì che tu non ti impegni al massimo».

Ti sei mai scoraggiata?

«Io non mi scoraggio mai, sono assolutamente ottimista ed ho un’idea del successo abbastanza mia. Per me il successo è un participio passato, perciò non è legato al fatto di vendere tante copie o avere tanta gente ai concerti. Il successo è fare quello che si vuole nella propria vita ed essere felici, ed io mi reputo di successo perché sono felice e faccio tutto con entusiasmo».

Chi ti ha fatto il complimento più bello?
«Probabilmente i bambini, perché i loro complimenti sono inaspettati e ti stupiscono sempre».

I tuoi testi sono sempre molto elaborati e ricchi di significato. Ti piace scrivere?
«Mi piace molto scrivere. Raccolgo storie, racconti, infatti le mie canzoni sono quasi sempre delle storie. Mi piace cantare dei personaggi».

Come avviene il processo di creazione di una canzone: parti dal testo o dalla musica?

«Parto dal testo perché devo avere qualcosa da dire, altrimenti non ho motivo di scrivere».

Cosa preferisci di più, la fase di creazione di un album, la fase di registrazione, o l’esibizione dal vivo?

«Mi piacciono tutti gli aspetti del mio lavoro. La fase di registrazione e realizzazione dell’album è più riflessiva. Io lavoro con lo stesso staff da vent’anni, quindi cresciamo insieme, e ogni disco è l’occasione per riunirsi. Per sei mesi si crea una specie di famiglia allargata, con tutti i musicisti e le loro famiglie che si raccolgono qui alle pendici dell’Etna, in questa casa del Settecento. Ci isoliamo e diamo sfogo alla nostra creatività. Dopo tutto questo andare ad esibirci in concerto è ancora più bello».

Dal 1996, anno di uscita del tuo primo album, la tua musica ha subito molte trasformazioni. Da Confusa e felice e Mediamente isterica, fino a L’eccezione ed il tuo tour L’anello mancante, ed ora con il nuovo Elettra. Questi tuoi cambiamenti sono dovuti a una tua crescita e ricerca artistica, a momenti tuoi personali, o semplicemente alla tua personalità?

«Io cerco sempre nuove forme di espressione. Mi piace suonare musica africana, rock, jazz, però poi dentro devo sempre esserci io. Un po’ come cambiarsi i vestiti o il taglio di capelli, noi cresciamo e a volta alcune cose di noi cambiano. Ma in tutti i miei dischi ci sono “momenti” acustici e “momenti” elettrici».

In una tua canzone dici che “ad ogni rinuncia corrisponde una contropartita”. Senti di aver dovuto rinunciare a qualcosa per il successo o sei l’eccezione alla regola?
«Non ho mai vissuto la mia vita come una scalata verso il successo, lo trovo molto lontano dal mio modo di vivere. Certo se le cose vanno bene e la mia musica piace, vuol dire anche che sto lontana da casa e dai miei cari, e a volte mi piacerebbe dedicare più tempo a mia madre e alla mia casa, però tutto verrà col tempo. Vorrà dire che questo è il momento di battere il chiodo, come si dice da noi, poi ci saranno momenti in cui… potrò fare la mamma… con calma».

Quindi ti piacerebbe avere dei figli?

«Molto, penso che piacerebbe a tutti».

Come descriveresti il tuo ultimo album Elettra?
«Ogni album è frutto di una mia urgenza creativa, e questo è stato la fotografia di un momento della mia vita, e rappresenta ciò che ho raccontato».

So che non era la prima volta, ma com’è stato duettare con Franco Battiato?

«Battiato è un artista che dà grandi emozioni, e duettare con lui è una bellissima e profonda esperienza».

Nel tuo Elettra, vi è la canzone Mio zio che parla di pedofilia. Quanto è importante per te come artista esprimerti ed agire in cause che ritieni importanti? Ricordiamo anche la tua partecipazione ad Amiche per l’Abruzzo.
«Se in qualche modo tu rappresenti un esempio per qualcuno, o comunque hai persone che ti seguono è giusto che ti pronunci su certi argomenti. Ho voluto dire di proteggere i più piccolini perché è molto importante che queste oscenità, che si consumano in strade, case e chiese, non rimangano nascoste, ma vengano denunciate a testa alta. Non bisogna avere paura, altrimenti le vittime saranno sempre i più indifesi».

Professionalmente ti appaga di più vincere un premio come quello di Amnesty Italia, o ricevere il disco di platino?

«Amnesty Italia, ovviamente, perché credo che i premi in ambito musicale debbano essere dati alla qualità. Tra l’altro l’Italia è l’unico Paese che non ha un premio per la musica di qualità. Io spero sempre di fare un prodotto di qualità, non me ne frega niente delle classifiche, sarà che vengo da una famiglia agiata e quando ho cominciato questo lavoro mi importava davvero poco delle vendite. La mia priorità era fare quello per cui ero nata».

C’è una canzone alla quale ti senti più legata?
«No».

E una canzone di un altro artista che vorresti aver scritto tu?
«La cura di Franco Battiato, canzone meravigliosa».

Il momento più bello della tua carriera?

«Forse la prima volta che mi sono esibita, nell’auditorio della mia scuola con 4.000 persone. Avevo 14 anni e non appena mi videro con la chitarra cominciarono a fischiare. Io diedi quattro colpi alla chitarra e li zittii, dopodiché vi furono applausi scroscianti e da lì capii che quello poteva essere il mio futuro».

E invece il momento più bello della tua vita?

«Il momento più bello della mia vita è nel quotidiano, perché sono in salute, giovane, ho tutta la vita davanti, tante idee e tanto entusiasmo. Questa è la cosa più preziosa che ho e mi rende felice».

Oltre la musica hai altre passioni? Cosa fai nel tempo libero?

«Mi piace molto il giardinaggio, produco dischi di altri artisti e mi piace anche lo sport».

Uno in particolare?
«Il tennis, ma gioco di rado».

Giocatore preferito?
«Federer, è molto elegante ed ha ancora quell’impostazione classica che avevano insegnato a me quando ero piccola, mentre questi giovani sono tutti contratti e non belli da vedere».

Tornando alla musica, tu ti sei esibita in Francia, Stati Uniti. Qual è la differenza principale tra il pubblico in Italia e quello all’estero?
«Ovviamente per il pubblico italiano non c’è bisogno di introdurre il tuo repertorio e per il pubblico basta ascoltare i testi. L’attenzione e l’approccio dopo il concerto sono uguali, ma all’estero ho l’accortezza di introdurre quasi ogni pezzo, raccontando di cosa sto parlando e ciò che volevo comunicare. Questo riesco a farlo in spagnolo, tedesco, inglese e francese. Prima di ogni concerto studio lo spettacolo con un coach, e mi esercito su quello che devo dire. Il tedesco è stato molto difficile, ma quando sei lì ti dà soddisfazione perché spesso il pubblico è abituato a grandi star che parlano solo inglese. Poi magari succede che arrivano nei camerini pensando che sappia parlare il tedesco quando invece sapevo solo quelle due frasi, e mi trovo un po’ in difficoltà. Invece in francese ho il gobbo, ma se vengono a dirmi delle cose le capisco».

Sarai per la seconda volta a Toronto il 20 giugno. Cosa ci dobbiamo aspettare dal tuo spettacolo?

«Arriverò con la mia chitarra e presenterò un repertorio misto. Ci sarà molto anche di improvvisato perché, stando insieme da vent’anni a volte basta solo che ci guardiamo ed iniziamo a suonare, e qualche brano della tradizione siciliana, perché ho fatto un recupero musicale che sto sperimentando all’estero».

Se dovessi spiegare ad un giovane canadese che non ti conosce, chi è Carmen Consoli, cosa diresti?

«Una ragazza del Sud, una donna ormai visto che ho 35 anni. Che ama molto tutto quello che fa e vuole portare una testimonianza della sua terra e della sua cultura».


Indirizzo pagina originale: http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=99779

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine