Archive | Sardinia/Sardegna RSS for this section

Carnival on the Italian island of Sardinia

This is Sa Sartiglia in the town of Oristano, in Sardinia. A folk carnival that it’s been going for more than 500 years!

I would like share with you one of the many traditions of this island that everybody should visit.

All pictures are property of Elena_Sc’s bolg ©

To read more about “my” Sardinia click here

To read more about Italy click here

Enhanced by Zemanta

McDonald’s lawyers make a meal of Italian restaurant’s name

Global fast food chain orders tiny Sardinian pasta snack bar to remove ‘Mc’ from its name

A Sardinian snack bar owner who incurred the legal wrath of McDonald’s for daring to use the prefix ‘Mc’ on his shop front has become an unlikely hero for Italian politicians and food campaigners fed up with the global clout of the American hamburger chain.

Ivan Puddu, 32, decided to give his restaurant in Santa Maria Navarrese a fast-food feel by naming it McPuddu’s, only to receive two legal warnings. Lawyers for McDonald’s said that customers might confuse his tiny outlet with the US giant.

Puddu pointed out that his speciality – a Sardinian form of stuffed pasta filled with local sheep’s cheese, potato and mint – was unlikely to be confused with a Big Mac.

“Over here, the parcels are made by hand on Sundays in Sardinian homes,” he told La Repubblica. “They are good, old-fashioned and a family ritual.”

With no funds to fight the order, Puddu has nailed a plank over the “Mc”, adding “censored” above the shop door.

Sardinia’s regional agricultural assessor, Andrea Prato, has guaranteed Puddu the regional government’s financial backing in the “David and Goliath” fight against “one of the greatest corruptors of the palate in the world”. Puddu’s pasta parcels, known as culurgiones, he said, “have been around a lot longer than the cheeseburger”.

“They only take two minutes to cook and make great street food,” he added.

With foreign copies of Italian food costing Italy €70bn (£58bn) a year, he said, “the challenging by McDonald’s of a vendor of typical Sardinian food for using the ‘Mc’ prefix is a mockery”.

McDonald’s has previously sent lawyers around the world to clamp down, with varying degrees of success, on restaurant owners using ‘Mc’ in their names.

On this occasion, warned Carlo Petrini, president of the Italian Slow Food group, it was heading for defeat. “This is stupid arrogance,” he said, “I am sure that in court, McDonald’s would lose this.”

Tom Kington in Rome
guardian.co.uk, Wednesday 25 August 2010

http://www.guardian.co.uk/world/2010/aug/25/mcdonalds-lawyers-italian-restaurant-name

 

Odourless Canadian birthday

It’s a wonderful day.

The sky is blue, sunny, not to hot thanks to the wind that especially on the harbour front is always blowing. I am so luck to live right in front of the lake, and it’s on days like this – summer holydays – that I understand how much I miss the ocean.

Today is Canada Day, and the crowd has been walking in the area since this morning. Tall ships are at the waterfront for The Redpath Toronto Waterfront Festival 2010, coordinated by the American Sail Training – ASTA – across all five Great Lakes.

Over the 5 day Festival that started today, 15 international and local ships will participate, a fleet not seen here in Toronto since 1994, first and only Canadian port.  The Festival is enhancing the Toronto lakeside experience by delivering a premiere event that also provides environmental educational programming through its interactive Green Village, as well as cultural entertainment through unique tall ship experiences.

But I still miss something, and even if it took me a while to understand what it was, now any time I feel like that I know it’s about the smell of the sea. It’s something difficult to understand for those who did not grow up close to the ocean, that are not used to walking on the sand 9 months per year and taste the salt on your lips.

Looking at the lake on this sunny busy day, I feel like watching all this through a window. I’m not part of that. I don’t belong to that. I cannot smell it. It’s like watching Food channel on TV and wishing all that beautiful food was in your kitchen instead.

But this is Canada, country famous for lots of things, beside the ocean. So it’s ok, I’m invited to this big birthday party of somebody who I love, but that is very different from what I am used to. There is no birthday cake, but big stands with Caribbean and Asian food, no candles but fireworks in the night, and the water looks almost fake because nobody can touch it, or jump in it, or swim in it. I don’t understand it, and I wish I could smell something.

But looking at the fireworks I feel better, because the sky it’s the same, and tells me that everybody is under the same sky, I’m not so far from where I wish to be.

Happy birthday Canada! ©

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine

Bittersweet Home

Everybody should have one, and in various ways everyone does.

All of us have different interpretations about it and feelings that make this definition complicated. Experiences and lifestyle can effect it, and can make you cynic or very attached to it, raising you in so many different ways.

Most consider home the place where you were born and grew up, such as small city with too much traffic, where people buy newspapers only on the weekend and the smell of food escapes from the window. That place where there are buses which never come, few clothing shops always full of people, and the corner just down the street where you meet your friends every evening, when there is nothing interesting on TV.

Home can be the street where you walk every morning to go to school, the bakery where you always hope to stop by but you never do it because you had breakfast at home, classrooms with not enough tables or chairs and guys who wonder all the time why they are studying, because they won’t be able to find a job and have a future on their island, so it’s easier to go volunteer in Iraq.

The soccer match on Saturday night, espresso and cornetto on Sunday morning can be your home. An apartment on the fourth floor where the walls are so thin that you can hear your neighbors in the bathroom, an elevator where you saw yourself growing up and being able to press all the buttons, and that gave you the idea the you were going to be able to do whatever you wanted cause you were tall, you are an adult now, and can do everything.

All the summer nights spent playing cards with your sisters, your stuffed animals that become dusty, tea and cookies for breakfast and you always late to make dinner for your family.

Home can be a song that brings you to tears.

Home can be your bedroom, your way to escape from everything else, your window that shows you how small you are and where you send all your prayers from, to be strong, to be good.

It’s your home if you know who is looking for you just from the knock on the door, and you paint the wall because you read that color helps you not to have nightmares. Your sheets smell of laundry detergent and the pictures on the wall make you think about the past, so you play your favorite music and lay down in bed pretending not to hear people screaming next door.

Home can be the smell that you dream of all the winter and that finally you can breath, the sun on your skin and the sand under your feet, the light wind, your red nose when you come back home. Waves noise, salted flavor on your lips, kids running around and beautiful sea where you whish you could swim always, be part of it, never forget it.

Home is something that you miss when you are away, and that hurts even more when you don’t, when you have bitter memories about it.

Sometimes it’s something that you dream about. Sometimes it’s your family. Sometimes it’s your friends. Sometimes you are your family and your friends, and your home becomes a pet waiting for you in the basement.

When everything around you runs so fast, and you need to change, but maybe you are scared and not ready, and you change anyway, home becomes something very small inside of you, something powerful that you are not able to explain, something more than space and time. So, home can be a city far away, a stranger language, stranger people, beautiful trees with gold and fire colors in the fall. New experiences, new energies, new hopes for your future. A very cold place in the winter, especially for the people who don’t have a home. A tall tower that surprises you every time you see it. An empty apartment, a mattress on the floor and two suitcases.

Stranger streets can be familiar to you if you are not familiar to yourself, and you can feel at home even if you have around things that you didn’t use to, a stranger person beside you, and even if there is no space for pictures on the wall, but just small stars that tell you every night that everything will be ok.

Home is objects and memories, smells, hopes, a soft pillow where you hope to sleep every night. It’s a future dream, like a smile that tells you have something, you are someone. It can be a place where you hope to come back to, or a brand new start; it can be the world.

So maybe, it doesn’t matter where you are from, where you are right now, where your life is taking you: if you are happy you will always feel at home.©

Let me know what”s home for you!

«Risarcimenti per le vittime del Poligono? È tutta una truffa»

Mariella Cao, del Comitato sardo Gettiamo le Basi, denuncia ad alta voce tutti i retroscena del dramma del P.I.S.Q.

Di Elena Serra

TORONTO – Il Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze del Salto di Quirra (P.I.S.Q.), nella Sardegna centro-meridionale, è solo una, anche se la principale, area militarizzata del territorio sardo, nonché il Poligono sperimentale più grande d’Europa. Vi è anche il Poligono di Capo Teulada, meno conosciuto ma con una storia simile. Le numerose attività belliche che si svolgono al P.I.S.Q., sono sotto accusa per allarmanti situazioni sanitarie che si verificano nella zona: malformazioni fetali ed animali, e casi di leucenia e tumori – nel solo paesino di Quirra, 150 anime, ci sono stati 32 casi accertati di tumore. Benché ricerche scientifiche abbiano trovato metalli pesanti nell’erba e nanoparticelle che causano tumori e leucemie – così come ha confermato al Corriere Canadese la dottoressa Antonietta Gatti – non è mai stata ammessa ufficialmente la correlazione causa effetto tra il Poligono e le malattie, e le attività del Poligono non sono mai state fermate.
Per capire meglio la situazione, il Corriere Canadese ha intervistato Mariella Cao, del Comitato sardo Gettiamo le Basi, da sempre in prima linea al fianco dei malati e delle famiglie delle vittime.

Può raccontarci come è iniziato il tutto?
«La prima denuncia sui tumori e le leucemie è datata 2001, ed è partita da uno dei 3 medici di base di Quirra, frazione di Villaputzu, che ha riconosciuto che non fosse normale avere 8 casi di leucemia su 150 abitanti. Per questo motivo il sindaco, per giunta del centro-destra, fratello del medico ed oncologo, ha chiesto accertamenti, ed è stato successivamente messo a tacere da entrambe le forze politiche. A quel punto si è scatenata l’Asl con la teoria che la causa delle malattie fosse la vecchia miniera d’arsenico, ma tutti sanno che l’arsenico non causa questo tipo di patologie, e comunque le ricerche non hanno mai rivelato alcuna traccia di contaminazione d’arsenico. Nel frattempo comincia la pressione per ottenere una Commissione d’inchiesta parlamentare sui poligoni militari, che arriva col primo governo Berlusconi, alla quale partecipa anche la dottoressa Gatti, ma il mandato riguarda solo i militari. Il 14 febbraio 2008, prima che cadesse il governo e i lavori fossero interrotti, c’è stato la relazione della seconda Commissione d’inchiesta sull’uranio, mandato che questa volta comprende anche i civili, e che si è concentrata soprattutto sui poligono sardi».

Qual è stato il verdetto?
«Questa seconda inchiesta ha stabilito che attualmente non è dimostrabile il legame tra l’inquinamento bellico e le malattie riscontrate ma, siccome non è dimostrabile neanche il contrario, si prende atto dei morti e dei malati, non solo nei teatri di guerra ma nei poligoni e tra i civili. Pertanto si riconosceva l’obbligo del ministero della Difesa di risarcire le vittime e le loro famiglie».

Cos’è successo da allora?
«L’obbligo del risarcimento è stato recepito dalla Difesa con molta calma nel marzo 2009, con quello che noi definiamo un decreto-truffa, in quanto è stata posta la clausola che dice che hanno diritto al risarcimento solo i civili che abitano ad 1,5 km di distanza, per cui tutto il paese di Teulada – vicino al Poligono di Capo Teulada, ndr – non rientra nella copertura. È come se potessero stabilire i limiti all’andirivieni delle nanoparticelle e delle polveri di guerra. In più bisogna compilare un modulo che non si trova da nessuna parte, che solo la CGL è riuscita ora ad ottenere».

Mi conferma che ci sono ancora delle ricerche in corso?
«Si. Appena sono state rese note le conclusioni dell’inchiesta del Senato, la Difesa è partita con il piano di monitoraggio voluto per la presenza della clausola che dice che è fatto obbligo alla Difesa di risarcire le vittime a meno che possa provare la sua estraneità. Hanno costituito, per fingere la democrazia, il Comitato Politico Territoriale formato da alcuni sindaci locali, dei quali non sono chiari i criteri di scelta in quanto molti sindaci di comuni toccati dal Poligono non sono presenti, mentre ce ne sono altri che non hanno alcuna attinenza con poligono, più le province di Cagliari e dell’Ogliastra. Ma è stato presentato un monitoraggi già pronto, fatto dall’Aeronautica che per l’occasione si è autonominata Ente Scientifico di Eccellenza, cioè l’organo che decide come cosa e dove si deve controllare. D’altronde lo scopo del monitoraggio è descritto da loro con un’onestà estrema: ottenere il certificato di qualità ambientale, cioè dimostrare che il poligono è un gioiellino ecologico. E quindi non pagare coloro che dovrebbero ricevere il risarcimento».

Si parla molto di uranio impoverito, ma non è mai stata trovata una prova scientifica alla presenza dell’uranio sul territorio sardo.

«Questo è il motivo per il quale ho utilizzato il termine generico “inquinamento bellico”. Nell’ignoranza che tutti abbiamo riguardo alle schifezze belliche che vengono utilizzate, l’uranio è stata la prima cosa alla quale si è pensato quando si è detto che causava tumori, leucemie ed alterazioni genetiche. Ora, come cittadina, che sia uranio, plutonio o quant’altro non mi interessa, purché si riconosca che sta uccidendo le persone. In questi casi dovrebbe essere messa in atto la normativa recepita dall’Italia e dall’Europa, che è quella del comune buon senso, e dice che alla presenza di sospetti si devono interrompere tutte le attività. Quello che chiediamo è la sospensione immediata per poter verificare la situazione, naturalmente in modo serio e non come è stato fatto fin ora».

Non ha quindi molta fiducia nelle indagini in corso?

«La verità è che in quest’indagine-truffa hanno investito 2,5 milioni di denaro pubblico. La prova della truffa si ha quando si pensa che in un’area di Porto Torres, zona industriale sarda di 1.100 ettari, sono stati fatti 1.500 campionamenti per ricerche sull’inquinamento, mentre nel Poligono di Quirra, grande 12 volte in più, sono stati fatti 200 campionamenti dentro il Poligono e 500 fuori. Questo conferma il loro scopo».

È vero che lei parla anche di possibili esperimenti mirati sulla popolazione?

«È uno dei sospetti che abbiamo. Episodi di esperimenti sulla popolazione sono stati fatti in lungo ed il largo, dagli Stati Uniti, dalla Francia, dall’Inghilterra, e anche dalla pacifica Svezia. Sono stati ammessi agli atti del Congresso, e l’unico Paese che non li ha mai ammessi è stato l’Italia. L’altro sospetto grosso che abbiamo è relativo allo smaltimento delle armi chimico-biologiche perché, ammesso che l’Italia le abbia smaltite, gli unici poligoni dove poterlo fare sono quelli della Sardegna perché sono i più grandi d’Europa. Altro punto sotto processo sono i sistemi radar con forti onde che incombono su Quirra e che provocano un forte inquinamento elettromagnetico. Su questa ipotesi troviamo conferma dalla Germania dove 1500 militari hanno messo sotto accusa il loro sistema antimissile, lo stesso usato a Quirra. Non è mai stato fatto nessun controllo al riguardo».

Com’è possibile che ancora oggi il Poligono non sia recintato e venga permesso l’accesso ai pastori?

«La recinzione è più o meno fasulla. A Teulada hanno stipulato contratti con i pastori che prima pascolavano gratis ed ora pagano l’affitto, che costa più di quello che si paga per i privati, e condizioni terribili perché se dovesse succedere qualcosa la colpa ricade sui pastori. Contratti “d’oro” per la Difesa che vorrebbe adottarli anche a Quirra. Tra l’altro i pastori sono i primi a dire che la zona non è inquinata perché nessuno comprerebbe più i loro prodotti. Loro stanno lì perché non hanno alternativa».

Cosa mi sa dire della privatizzazione del Poligono?
«Manovra eccezionale che sta andando avanti. Con la privatizzazione del Poligono l’Italia riuscirebbe a mettersi in regola con la legge cioè, il ministero della Difesa non sarebbe fuori legge in maniera spudorata come lo è oggi. La legge italiana dice infatti che i demani militari che creano un danno economico e sociale (quando è stata fatta le legge nel ’76 ancora non si sapeva del danno sanitario ed ecologico, ndr) vanno equamente ripartiti in tutto il territorio nazionale. Questo sistema fa carico al ministero della Difesa di provvedere all’equa ripartizione. In cifre il demanio militare sparso in tutta la penisola italiana ammonta a 40.000 ettari, dei quali 24.000 sono in Sardegna. Considerando che ce ne spetterebbero 2.000 o massimo 3.000, significa che vanno chiusi i 13.000 di Quirra e i 7.000 di Teulada. Ma la privatizzazione del Poligono permette loro di dire che quella non è più demanio militare ma una struttura civile. L’altro grosso vantaggio è che oggi c’è l’obbligo di presentare la programmazione semestrale delle attività, ma con la privatizzazione quelle informazioni resteranno segrete. E anche livello di cassa pubbliche penso che il tutto sia un affare».

Considerando i tempi – circa 15-20 anni – ed i costi necessari per la bonifica, calcolati dal momento della fine delle attività, pensa che la chiusura del Poligono sia la soluzione più giusta?
«La bonifica a Poligono inattivo è fondamentale. È fondamentale porre fine alla strage. Lo smantellamento si pone tra minimo 20 anni, e questa è una decisione che spetta alle generazioni future. Noi non vogliamo il primato dei posti dove si collaudano i droni assassini che stanno sterminando gli iracheni e gli afghani».

Cosa si può fare più di quello che avete fatto voi per anni?
«Diffondere l’informazione è la cosa che gli sconvolge di più. Ad esempio il libro di Carlotto, Perdas de Fogu, li ha mandati in bestia. L’Italia non ha saputo della sindrome di Quirra perché i media sono stati in silenzio fino al 2004, con le poche eccezioni di Liberazione e Metro. Il problema Quirra è stato sollevato anche da Óscar Arias Sánchez, premio Nobel per la pace, alla conferenza internazionale di Durban. Ovviamente l’intenzione dell’Italia è quella di tenere tutto a tacere».


Indirizzo pagina originale: http://www.corriere.com/viewstory.php?storyid=94357

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to Yahoo BuzzAdd to Newsvine